#progress-container { position: fixed; width: 100%; height: 4px; left: 0; top: 0; z-index: 1000; background: transparent; transition: all ease-out 0.2s;}#progress-container.ready { transform: translateY(-3px);}#progress-bar { display: block; width: 0; height: 3px; background: #000;}const addProgressBar = () => { const element = document.createElement('div'); element.id = 'progress-container'; element.innerHTML = '
'; document.body.appendChild(element);};const readingProgress = target => { const winTop = window.pageYOffset || document.documentElement.scrollTop; const targetBottom = target.offsetTop + target.scrollHeight; const windowBottom = winTop + window.outerHeight; const progress = 100 - (((targetBottom - windowBottom + window.outerHeight / 3) / (targetBottom - window.outerHeight + window.outerHeight / 3)) * 100); document.querySelector('#progress-bar').style.width = progress + '%'; (progress > 100) ? document.querySelector('#progress-container').classList.add('ready') : document.querySelector('#progress-container').classList.remove('ready');};document.addEventListener('DOMContentLoaded', () => { const content = document.querySelector('#content'); addProgressBar(); readingProgress(content); window.addEventListener('scroll', () => { readingProgress(content); });});
logo curia diocesana senza sfondo

Tribunale Ecclesiastico Diocesano di Cefalù

Piazza Duomo n.10 - 90015 Cefalù (PA)

Telefono 0921.926.382

P.E.C.: tedcefalu@legalmail.it 

E-mail: tribunale@diocesidicefalu.org - notaioted@diocesidicefalu.org

 

Privacy policy

Tribunale Ecclesiastico Diocesano di Cefalù

logo curia diocesana senza sfondo

 

Sito realizzato da Massimiliano Comito su piattaforma flazio.com

cattedrale di cefalù.jpeg

AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER I MENO ABBIENTI

 

 

Riduzioni ed esenzioni per i meno abbienti

 

Coloro che si trovano in condizioni economiche che non gli permetterebbero di onorare le tasse giudiziarie e/o la parcella di un patrono di fiducia possono presentare domanda di accesso all'istituto del gratuito (o semigratuito) patrocinio, utilizzando la modulistica predisposta da questo T.E.D. e disponibile per il download in fondo a questa pagina. 

 

La richiesta va compilata in ogni sua parte e corredata di tutti i relativi documenti utili per attestare sia la veridicità delle informazioni riportate sia la corrispondenza delle condizioni economiche con i parametri richiesti per poter accedere alla riduzione delle spese o all'esenzione totale dal pagamento delle stesse. Unitamente al modulo di richiesta ed ai relativi documenti, va presentata anche l'informativa per il trattamento dei dati personali, in assenza della quale questo T.E.D. non può ricevere l'istanza a norma di legge. 

 

Una volta ricevuta la documentazione completa, dunque, il Tribunale, al massimo entro 15 giorni dal ricevimento dell'istanza, darà conferma  o meno dell'avvenuto accoglimento della richiesta di esenzione dalle spese o di riduzione delle stesse.

 

Le parti, contestualmente alla richiesta di riduzione delle tasse giudiziarie o di esenzione totale dal versamento delle stesse, possono presentare istanza di assegnazione di un Avvocato d'ufficio, che sarà scelto tra gli avvocati e procuratori ammessi a patrocinare presso questo T.E.D.. Sarà comunque il Vicario Giudiziale, dopo aver acquisito tutti gli elementi necessari per la valutazione del caso, a decidere in merito all'istanza di riduzione delle spese e ad assegnare il difensore d'ufficio.

 

Contributo di carità

 

Con riferimento, invece, all'applicazione dell'articolo 6 § 2 delle Norme circa il regime amministrativo dei Tribunali Ecclesiastici Italiani in materia di nullità matrimoniale e a quanto indicato nelle Determinazioni del Consiglio Episcopale Permanente del 14 novembre 2018, ovvero che « le parti sono rese partecipi, nei modi descritti nel regolamento, dell'obbligo morale per i fedeli abbienti di contribuire con una sovvenzione liberale - aggiuntiva rispetto al contributo per l'introduzione della causa - alla copertura parziale del costo effettivo della causa, mediante un versamento », presso questo T.E.D. è richiesto il versamento di un contributo di carità dell'importo di € 500,00 (cinquecento/00) a quei fedeli abbienti che ricorrono al patrocinio del Patrono Stabile.

Tale contributo, che è aggiuntivo rispetto al contributo di concorso ai costi di causa di € 525,00 stabilito dalla C.E.I., confluisce in un fondo istituito appositamente per consentire ai fedeli che versano in condizioni economiche proibitive di accedere gratuitamente al servizio ecclesiale del processo di dichiazione di nullità.

 

Si rammenta in tale sede che al Patrono Stabile non è dovuto alcun onorario o compenso da parte del fedele che usufruisce del suo patrocinio.

 

L'importo relativo al contributo di carità deve essere versato esclusivamente a mezzo bonifico utilizzando le seguenti coordinate bancarie:

- IBAN: IT83 K020 0843 2600 0010 5627 453
  Istituto bancario: Unicredit
  Beneficiario: Curia Diocesana.

 

La causale dovrà riportare la dicitura Contributo di carità, accompagnata dai cognomi delle parti in causa. 

 

Si precisa che le erogazioni volontarie in favore dei meno abbienti non sono fiscalmente deducibili.

 

----------------------

 

MODULISTICA: 
 

Richiesta di accesso al gratuito (o semigratuito) patrocinio
 

Richiesta di assegnazione del Patrono Stabile

 

Richiesta congiunta di assegnazione del Patrono Stabile

 

Informativa per il trattamento dei dati personali

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder