#progress-container { position: fixed; width: 100%; height: 4px; left: 0; top: 0; z-index: 1000; background: transparent; transition: all ease-out 0.2s;}#progress-container.ready { transform: translateY(-3px);}#progress-bar { display: block; width: 0; height: 3px; background: #000;}const addProgressBar = () => { const element = document.createElement('div'); element.id = 'progress-container'; element.innerHTML = '
'; document.body.appendChild(element);};const readingProgress = target => { const winTop = window.pageYOffset || document.documentElement.scrollTop; const targetBottom = target.offsetTop + target.scrollHeight; const windowBottom = winTop + window.outerHeight; const progress = 100 - (((targetBottom - windowBottom + window.outerHeight / 3) / (targetBottom - window.outerHeight + window.outerHeight / 3)) * 100); document.querySelector('#progress-bar').style.width = progress + '%'; (progress > 100) ? document.querySelector('#progress-container').classList.add('ready') : document.querySelector('#progress-container').classList.remove('ready');};document.addEventListener('DOMContentLoaded', () => { const content = document.querySelector('#content'); addProgressBar(); readingProgress(content); window.addEventListener('scroll', () => { readingProgress(content); });});
logo curia diocesana senza sfondo

Tribunale Ecclesiastico Diocesano di Cefalù

Piazza Duomo n.10 - 90015 Cefalù (PA)

Telefono 0921.926.382

P.E.C.: tedcefalu@legalmail.it 

E-mail: tribunale@diocesidicefalu.org - notaioted@diocesidicefalu.org

 

Privacy policy

Tribunale Ecclesiastico Diocesano di Cefalù

logo curia diocesana senza sfondo

 

Sito realizzato da Massimiliano Comito su piattaforma flazio.com

cattedrale di cefalù.jpeg

EFFICACIA IN AMBITO CIVILE DELLA SENTENZA DI NULLITA' MATRIMONIALE

 

 

Eventuale efficacia della sentenza canonica in ambito civile
 

In ordine alla delibazione delle sentenze di nullità matrimoniale ai fini del conseguimento degli effetti civili da parte dei Tribunali di Corte d'Appello italiani (secondo le norme del Concordato dell’11 febbraio 1929 e del Protocollo Aggiuntivo del 18 febbraio 1984), le parti possono chiedere la relativa autorizzazione al Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica (si invita, a tal proposito, alla consultazione del memorandum predisposto da questo T.E.D. di Cefalù).

 

Il problema dell’efficacia della sentenza canonica ai fini civili non si pone concretamente nel caso in cui tra i due coniugi sia già intervenuta una sentenza di divorzio, in quanto, essendo stata ormai dichiarata la cessazione degli effetti civili del matrimonio, è già possibile contrarre un nuovo matrimonio concordatario valido sia di fronte alla Chiesa sia di fronte allo Stato. 


Se invece non esiste una sentenza civile di divorzio, per poter contrarre un nuovo matrimonio concordatario dopo aver ottenuto la nullità del precedente sacramento è necessario un successivo specifico passo, ovvero la delibazione. Tale procedimento, volto al riconoscimento degli effetti civili dell’eventuale dichiarazione di nullità sancita dal tribunale ecclesiastico non è però di competenza del Tribunale Ecclesiastico, bensì è da compiersi presso la Corte d’Appello territorialmente competente.

 

Come richiedere il Decreto di esecutività civile
 

Le parti che hanno ottenuto una sentenza affermativa di dichiarazione di nullità matrimoniale contro la quale non è stata proposta impugnazione nei termini di legge, se desiderano effettuare richiesta di esecutività civile per poi procedere alla delibazione presso la Corte di Appello competente, devono far pervenire a questo Tribunale Ecclesiastico Diocesano di Cefalù i seguenti documenti (fare riferimento, in proposito, al memorandum ed al facsimile di richiesta di esecutività scaricabili da questo sito):
 

  • Copia integrale ed autenticata dell'atto di matrimonio religioso relativo al caso in questione (occorre la fotocopia autenticata della relativa pagina del libro dei matrimoni, da richiedere presso la parrocchia dove furono celebrate le nozze); 
  • Estratto per riassunto dell’atto di matrimonio rilasciato dal Comune in cui esso fu celebrato; 
  • Domanda per l'esecutività della sentenza agli effetti civili (da redigere facendo riferimento all'apposito facsimile) con sottoscrizione della parte richiedente autenticata dal Comune o dal parroco; 
  • Ricevuta del versamento di € 78,00 effettuato tramite bonifico bancario in favore del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica (IBAN: IT44 N020 0805 0080 0010 1927 096), riportando nella causale i cognomi delle parti il cui matrimonio è stato dichiarato nullo
  • Ricevuta del versamento di € 80,00 effettuato tramite bonifico bancario in favore della Curia Diocesana di Cefalù (IBAN: IT83 K020 0843 2600 0010 5627 453), riportando nella causale la dicitura “per diritti di segreteria” ed indicando altresì i cognomi delle parti il cui matrimonio è stato dichiarato nullo.

 

Ricevuti i documenti di cui sopra e trascorsi 15 (quindici) giorni di tempo utile dalla notifica della sentenza alle parti senza che questa sia stata impugnata (canone 1630 § 1 del C.D.C.), questo T.E.D. provvederà ad inviare la pratica al Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica (allegando altresì le prova dell'avvenuta notifica del decreto di pubblicazione della sentenza con allegata la motivazione). Il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, a sua volta, farà pervenire il decreto d'esecutività civile al nostro ufficio di Cancelleria che avrà cura di notificarlo alla parte interessata.

 

Eseguito questo passaggio burocratico in seno alle autorità ecclesiastiche, sarà la Corte d'appello territorialmente competente ad espletare i seguenti passaggi: 

 

  • accertare l'esistenza e l'autenticità della decisione ecclesiastica dichiarativa della nullità del matrimonio e del successivo decreto rilasciato dal Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica;
  • accertare che il matrimonio dichiarato nullo era un matrimonio canonico trascritto ai fini civili (cioè, che si trattava di un matrimonio cosiddetto concordatario);
  • accertare che nel procedimento innanzi al tribunale ecclesiastico competente è stato assicurato alle parti il diritto di agire e resistere in giudizio in modo non difforme dai principi dell'ordinamento italiano;
  • accertare che ricorrono le altre condizioni richieste dalla legislazione italiana per la dichiarazione di efficacia delle sentenze straniere, e cioè: 
    - l
    'assenza di una sentenza passata in giudicato emessa dall'ordinamento giudiziario italiano che sia in contrasto con la sentenza ecclesiastica;
    che non sia pendente innanzi ad un giudice italiano un giudizio tra le stesse parti avente ad oggetto la nullità dello stesso matrimonio (anche se per motivi diversi da quelli addotti in ambito ecclesiastico) instaurato prima che la sentenza canonica divenisse esecutiva;
    che la sentenza ecclesiastica non contenga disposizioni contrarie all'ordine pubblico italiano; 
  • qualora renda esecutiva nell'ordinamento italiano la sentenza ecclesiastica - in quanto soddisfatte tutte le suddette condizioni - la Corte d'Appello medesima può statuire provvedimenti provvisori di natura economica a favore del coniuge in buona fede il cui matrimonio sia stato dichiarato nullo, rinviando poi le parti al tribunale competente per ogni definitiva statuizione in materia (articoli 129 e 129-bis del Codice di Procedura Civile). 

 

Effetti della delibazione
 

La delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio canonico-concordatario, facendo venir meno retroattivamente i suoi effetti civili fin dal giorno della sua celebrazione (lasciando tuttavia impregiudicati gli eventuali rapporti di filiazione e tutti gli obblighi giuridici ad essi collegati), fa venir meno anche l'esigenza della domanda di divorzio, qualora esso non sia già giudizialmente intervenuto fra le parti. 

Viceversa, è possibile la delibazione della sentenza ecclesiastica anche se sia già intervenuto il divorzio, ma in questo caso gli effetti personali e patrimoniali già eventualmente statuiti rimangono fermi ed efficaci. 

 

Per concludere, è esclusa dalla nuova disciplina concordataria la possibilità di delibazione anche delle dispense pontificie per lo scioglimento del matrimonio rato et non consummato (ovvero, regolarmente contratto ma non consumato), in quanto trattasi di provvedimenti eseguiti in forma graziosa e del tutto discrezionali, emessi con un procedimento di carattere amministrativo e non giudiziario, nel quale, dunque, sono assenti le fondamentali garanzie giurisdizionali sancite dalla Costituzione repubblicana a favore di ogni cittadino italiano (articolo 24 della Costituzione della Repubblica Italiana). 

 

----------------------

 

MODULISTICA: 
 

Memorandum

 

Facsimile di richiesta di esecutività

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder